I POETI ROMANESCHI

ALTRI POETI:Trilussa


L'anno-santo
Er bottegaro
La bocca de-la-verit
La legge
Santa Pupa

L'ANNO SANTO

Arfine, grazziaddio, semo arrivati
All'anno-santo! Alegramente, Meo:
Er Papa ha spubbricato er giubbileo
Pe ttutti li cristiani battezzati.

Beato in tutto st'anno chi ha ppeccati,
Ch a la cuscenza nun je resta un gneo!
Basta nun sse giacobbino o ebbreo, n'antra
razza de cani arinegati.

Se leva ar purgatorio er catenaccio;
E a l'inferno, peccristo, pe quest'anno,
Pi f, pi d, nun ce se va un cazzaccio.

Tu v a le sette-chiese sorfeggianno,
Mttete in testa un po' de cenneraccio,
E ttienghi er paradiso ar tu' commanno.

ER BOTTEGARO

Chi un bucio de bottega qua v upr
Prima de tutto je bisogna ann
Da Monziggnor Governatore, e l
Aspett un anno che je dichi: S.

Finarmente opri; e ecchete de qua
Monziggnor de la Grascia pe ssent
Si ciai licenza, e quanno, e come, e chi:
E, visto tutto, te la fa sserr.

Rimedi st'antra: e ecchete de s
Er Cardinal Vicario pe ved
Si ttutto vero quer che dichi tu.

Quann' ppoi tutt'in regola ch'ed?
Scappa un editto; e ssenza ditte ppi
Te se maggneno er bucio e quer che c'.

LA BOCCA DELLA VERITA'

In d'una chiesa sopra a 'na piazzetta
Un po' pi ss de Piazza Montanara
Pe la strada che pporta a la Salara,
C' in nell'entr una cosa benedetta.

Pe tutta Roma quant' larga e stretta
Nun poterai trov cosa ppi rara.
una faccia de pietra che tt'impara
Chi ha detta la buca chi nu l'ha detta.

S'io mo a sta faccia, c'ha la bocca uperta,
Je ce metto una mano, e nu la striggne,
La verit da me tiella pe certa.

Ma ssi ficca la mano uno in buca,
sicuro che a ttr n a spiggne
Quella mano che li nun vi ppi via.


LA LEGGE

N de me n de te ssanno ste carte
St'editti de gabbelle e giubbilei,
Ste ladrerie, sti giubbilate-dei
Dove er Papa v ssempre la su' parte.

Aveva ppi ggiudizzio Bonaparte,
Che ssenza tanti giri e ppiaggnistei
Diceva ar monno: "Questo tocca a lei";

Er papa certo una perzona dotta,
Ma 'gniquarvorta prubbica una legge,
Fa come la padella: o ttigne, o scotta.

Cus: Viva er Pastor, viva la gregge,
Viva er cucchiere e l'animal che ttrotta,
Viva chi scrive e buggiar chi legge.

SANTA PUPA

Santa Pupa una santa che davero
Je peseno, pe cristo, li cojoni;
E appett'a lei tanti santi barboni
Nun z, Terresa, da contalli un zero.

Va a d a li fiji tui che ssino boni!
Lo so io co li mii si me dispero,
E me spormno er zanto giorno intiero:
Senza de lei Dio sa li cascatoni!

Eppuro, a sta gran zanta, poverella,
Je vedi mai una cannela accesa?
J'opre gnissuno un bucio de cappella?

Furtuna e dorme: ecco ch'ed, Terresa;
E ssan Pietro, che chiede in ciampanella,
Ruga, e tti er culo in quer boccon de chiesa!

trilussa

Top